Inter – Milan: 2-1.

Scritto il 11-03-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Pensieri, Sport

1


Credo che le due immagini sopra, rispecchino a pieno la gioia non solo di un giocatore, ma di un "popolo", quello nerazzuro.
Grande gara la nostra, anche se iniziata male. Dopo un dominio iniziale, in cui avevam creato 4 palle gol e un rigore negato dall’arbitro Rizzoli (solo lui ha visto la simulazione di Ibra), ecco che il lontano parente del vero Ronaldo (quello che giocava nell’Inter), alla prima palla toccata fa gol. Sembrava una storia già scritta e vista tante volte. Chi da una parte spreca tante occasioni, chi dall’altra alla prima fa centro. Un incubo.
Ma ci pensa l’entrata di Cruz a spazzare via il Milan. Grazie a un gol, un assist e un gol mancato (di tacco sotto porta) cambia la storia della partita. E poi c’è sempre Ibrahimovic, il nuovo idolo nerazzurro, a deliziarci con le sue magie (per info chiedere a Maldini&Co la lezione appresa).
Ci si rivede l’anno prossimo cari "cugini", ora deliziatevi questo -33 in una calda domenica di Marzo.

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Il calcio e le misure antiviolenza.

Scritto il 04-03-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

3

Dopo i fatti di Catania (del quale non avevo parlato per rispetto di chi ha perso la vita lavorando), non ero più stato allo stadio. Non per mio volere, ma perchè non c’è stata la possibilità visto che l’Inter, la squadra per cui tifo, ha giocato a Cesena (a porte chiuse) e a Livorno (con ingresso riservato ai soli abbonati). Quindi facendo due calcoli, l’ultima volta che ero stato allo stadio era per Inter-Fiorentina, poi i fatti di Catania, e oggi ho assistito a Parma-Reggina.
Quando ieri sera Ciccio m’ha proposto di andare in trasferta a Parma con lui, ultrà -reggino, non c’ho pensato due volte ed ho accettato (sorprendendolo…non s’aspettava che io accettassi). Ma era tanta la voglia del clima stadio, quindi non mi son posto il problema di esser in un’altra curva rispetto alla "mia".
Bene, dopo i fatti di Catania, dopo tutto quel parlare alla tv, ai giornali,ecc.. delle nuove misure antiviolenza, dopo il decreto presentato dai ministri, m’aspettavo di trovar veramente dei cambiamenti…e invece??? Nulla, tutto come prima.

Questi sono i tornelli installati in curva Sud, quella riservata ai tifosi ospisti, a Parma. Erano non più di 5 tornelli, ma visto lo spicchio di curva riservato ai tifosi ospiti, diciamo che posson bastare. Di questi solo uno era in "funzione", tutti gli altri bloccati.
Perchè le " vicino alla parola funzione? Perchè avvicinandomi, ho visto che non bisognava inserire il biglietto per poterlo oltrepassare, bastava spingerlo. Ho fatto finta di niente, ed ho chiesto allo stewart dove dovevo inserire il biglietto per far scattare il meccanismo di apertura. La sua risposta è stata: "..non funziona, dammi il biglietto e spingi che si apre da solo…"
Così gli ho dato il biglietto, credevo che m’avrebbero almeno chiesto i documenti visto che i biglietti son nominativi. Macchè, dopo aver oltrepassato il tornello, lo stewart m’ha ridato il biglietto e io ho proseguito, senza che nessuno controllasse che quel biglietto fosse intestato veramente a me.
Dopo il clamore dei giorni passati sulle norme, ritrovo ciò che avevo lasciato…
Volevan dimostrare di dare un taglio netto col passato, ma alla fine, come tutte le cose italiane, siam ritornati alla "normalità".
Una nuova occasione persa, peccato!

Il ritorno di un campione: Roberto Baggio.

Scritto il 18-02-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

7

Grazie a Napolux, ho scoperto che il makiko Roberto Baggio è tornato tra "noi". Dopo aver detto addio al mondo del calcio il 16 maggio 2004, se ne eran perse le tracce.
Ora forse, come regalo per i suoi 40 anni, ritorna con un blog che trovate qui.
Bentornato campione!

p.s Bel blog, ma un feed diverso rispetto all’atom?

Classifica Fifa: Italia prima dopo 14 anni.

Scritto il 14-02-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

1

Dopo 14 anni, l’Italia torna in testa alla classifica Fifa. Gli azzurri, che non salivano al primo posto dal 1993, hanno superato il Brasile, retrocesso dopo la sconfitta nell’amichevole contro il Portogallo.

1 (2) Italia 1.562
2 (1) Brasile 1.540
3 (3) Argentina 1.535
4 (4) Francia 1.496
5 (5) Germania 1.359
6 (6) Inghilterra 1.330
7 (7) Olanda 1.312
8 (8) Portogallo 1.262
9 (9) Repubblica Ceca 1.193
10(12) Spagna 1.161

In memoria di Marco Pantani.

Scritto il 14-02-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

1

Nel giorno in cui tutti ricordano la (non) festa di san Valentino, io ricordo un campione che molti hanno dimenticato: Marco Pantani. A dir la verità anchio a volte me ne dimentico, tranne poi avere dei flash…spesso direi. E questo perchè assai spesso mi ritrovo la sua gigantografia lungo l’autostrada A14, dove c’è la sede della Mercatone Uno.
Forse nessuna parola potrà mai descrivere la grandezza di questo campione, che non è riuscito a scalare la cima della montagna più alta.
Non dimenticherò mai quel sabato..non ho mai amato alla follia il ciclismo, ma con lui era diventato uno sport emozionante. Come dicevo molti si son dimenticati di lui, e lo si capisce da come lo ricordano i giornali online: un piccolo trafiletto sulla Gazzetta dello Sport (che tanto aveva osannato le sue imprese), nessun commento sul sito di Corriere e Repubblica.

E tutto questo perchè il nostro tempo brucia rapidamente tutto; i giornali, i media ti fanno diventare velocemente un personaggio, un simbolo, per poi ridurti, con un velocità esponenzialmente più elevata, al nulla.

Marco Pantani è stato lasciato solo. Da simbolo del ciclismo a “ladro”, uno che aveva barato, che non era pulito. Era il campione da punire, che doveva essere l’esempio di un rigore esemplare per tutti. E infatti ce ne siam accorti cos’è cambiato: niente!!
E pensare che se n’è andato nella giornata dedicata all’amore….forse era solo quello che lui cercava!
Addio campione, vola sempre.

San Marino – Irlanda.

Scritto il 07-02-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Pensieri, Sport

0

Questa sera, allo stadio di Serravalle, dovrebbe disputarsi un’incontro di calcio tra le formazioni di San Marino e Irlanda.
Visto il non interesse del match, qualcuno si potrebbe chiedere il perchè del post.
Ieri sera, durante l’uscita settimanale con gli amici, in un pub di Bologna scopro che a seguire questo match ci saranno 3000 irlandesi. A parte i dubbi venuti a una sanmarinese sulla capacità di far entrare tutta quella gente nello "stadio" di Serravalle, mi chiedo: ma se un giorno la nazionale irlandese sfida una grande squadra, tipo l’ITALIA , va in trasferta tutta l’Irlanda?!?
Messi da parte questi dubbi calcistici, volevo sottolineare la simpatia degli irlandesi, che con i loro cori ci hanno deliziato la serata. Visto il nostro interesse, uno di loro si è avvicinato al tavolo, e ci ha dato un opuscolo per farci vedere il loro idolo!!!
Ma chi sarà mai?? Guardo il cognome, guardo la mia amica e….. giù a ridere.
Il loro idolo è Davide Gualtieri, che per chi non lo sappia (e io non lo sapevo fino a ieri sera), è il detentore del record del gol più veloce della storia, segnato il 17 novembre 1993, nella partita valida per le qualificazioni ai mondiali del 1994 fra San Marino e Inghilterra, giocata allo Stadio Dall’Ara di Bologna. Segnò dopo soli 8.3 secondi, dopo uno sciagurato retropassaggio del difensore Stuart Pearce.
Lo stesso è anche il cugino della mia amica.
Non vi dico cos’hanno fatto gli irlandesi quando l’anno saputo, cori e foto, manco avesse segnato lei quel gol!! D
Davvero strani gli irlandesi…


Update: Per la cronaca, si trattava di un incontro
valido per il gruppo D di qualificazione a Euro 2008. Il risultato è stato di 1-2. Per gli ospiti sono andati in gol al 49′ Kilbane e al 90′ Ireland, mentre per i sammarinesi la rete porta la firma di Marani all’86′.

Ronaldo al Milan.

Scritto il 30-01-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

1

Ma scegliere un altro mezzo per arrivare, no? D

Piovere x sempre

Materazzi contro tutti.

Scritto il 28-01-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

0

A questo punto credo che ci prendano gusto, ma come dissi tempo fa, Materazzi è inaffondabile…


P.s. E son 14….

Inter – Fiorentina: 3-1

Scritto il 21-01-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Pensieri, Sport

5

Inizio il post con il coro che ho cantato di più oggi allo stadio:

Che confusione
sarà perchè tifiamo
un giocatore
che tira bombe a mano
e tutti in piedi
per questo brasiliano
e su le mani
in campo c’è ADRIANOOOOO OOOO OOOO

Bene, son tornato da Milano da poco, con tante emozioni e senza voce. Una gran bella giornata, davvero. Entrare nella Scala del calcio non capita tutti i giorni, e come sempre fa tremare un pò le gambe. Vedere i tuoi campioni sotto di te è un’emozione indescrivibile, soprattutto quando vedi che finalmente danno l’anima in campo. E lo si vede anche da gente come Adriano, che fine a un mese fa sembrava una mucca al pascolo, e che ora sta tornando ai suoi livelli: corre, fa a sportellate, tira…segna….è tornato l’Imperatore che conoscevamo.
Vito & Maurizio Vito & Marianna
Vito & la Curva Nord Vito & Stefano
Curva Nord Curva Nord

Adriano Foglia in Italia – Repubblica Ceca.

Scritto il 19-01-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport, Video

0

Quando li faccio io gol del genere nessuno mi riprende… (

12 volte e l’Inter entra nella storia.

Scritto il 14-01-2007 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

3

Inter dei record

L’Inter continua la sua marcia: inarrestabile. Nell’anticipo dell’ultima giornata del girone di andata, l’Inter supera il Torino per tre reti a uno stabilendo il nuovo record assoluto di vittorie consecutive in campionato. Non che me ne freghi più di tanto, visto il livello del campionato di quest’anno, anche se c’è da tener conto che credo sia la squadra più forte degli ultimi anni. Quindi contento per il record, da inserire nell’almanacco e niente più, e avanti verso la conquista dello scudetto.

E ora segna pure Adriano…

Materazzi uno di noi.

Scritto il 18-12-2006 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport, Video

3

Ah si lui è quello scarso….ah si lui è il macellaio….ah si lui è quello che fa sempre risse….ah si lui è quello che provoca sempre….
Eh no, lui è anche quello che ci ha fatto vincere il mondiale….è anche quello che fa questi "goooollassi".

p.s. Annotate la pagina del manuale del calcio e andatela a leggere.

Vodafone backstage: Totti e Gattuso.

Scritto il 14-12-2006 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Cazzeggio, Pubblicità, Sport, Video

0

Nati per lavorare assieme!! D

Peppino Prisco, 1921-2001.

Scritto il 12-12-2006 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Sport

0

“… I grandi affetti, le grandi amicizie, nessuno sa mai quando sono nati. Il giorno esatto, l’ora giusta non si ricordano: anche perché, quando stanno per nascere, nessuno è lì pronto con il blocchetto degli appunti e con l’idea di prenderne nota… “

Giuseppe Prisco

Simpatiche canaglie.

Scritto il 16-11-2006 da Vito Antonio Bonardi

Pubblicato su : Amici, Pensieri, Sport

1

festa cima

Oggi è riniziato il campionato di calcio a 5 a cui partecipo da alcuni anni. Vittoria netta la nostra (2 gol e un autogol sul tabellino personale), grande prestazione della squadra e soprattutto grande…il nuovo innesto in squadra, Mattia, il nuovo nostro portierone. Ho messo la foto delle simpatiche canaglie perchè vedo la nostra squadra un pò così, tanti amici, un bel affiatamento in campo e fuori, e soprattutto delle gran cazzate fatte, sempre dentro e fuori dal campo. E noi siam contenti così.